Benvenuto inverno a Sestola!

sestolaA Sestola, perla verde dell’Appennino, la magia dell’inverno inizia il 6,7,8 dicembre con la festa di “Benvenuto inverno”. Grandi e piccini saranno intrattenuti da musica, spettacoli teatrali, gusto, canto e bellissime sciate.

cimone

Sabato 6 dicembre il paese festeggia il suo patrono, S.Nicola da Bari, e sarà possibile fruire delle animazioni create lungo le vie del paese; la sera uno spettacolo teatrale unico nel suo genere “Il flauto magico”, ospite della serata Caterina Caselli. La domenica sarà possibile godere delle animazioni sulle piste da sci o visitare il castello di Sestola, in serata l’intrattenimento sarà all’ Hotel San Marco con cena di gala e concerto lirico. L’8 dicembre, Immacolata Concezione, ci saranno sorprese canore ed esibizioni liriche. Un weekend ricco di eventi, gli ospiti dovranno preparare l’ugola e … il palato.

Durante tutto il weekend sarà possibile pranzare e cenare nei diversi punti ristoro del paese ma per chi volesse un po’ di tranquillità e buon cibo biologico a pochi chilometri da Sestola può trovare l’Agriturismo biologico Cà de Frà che propone piatti della tradizione e non per festeggiare l’Immacolata Concezione.

La festa dell’Immacolata Concezione di Maria è senza dubbio una delle più importanti festività mariane. È celebrata in tutto il mondo ma non ci sono ricette speciali per questa festa, l’unica regola che accomuna tutte le regioni d’Italia per la vigilia dell’Immacolata è l’astinenza dalla carne, come fioretto in attesa della festa. Solitamente pesce azzurro e baccalà sono i protagonisti della tavola anche se in molte zone si osserva il digiuno.ca de fra neve

Il baccalà è stato un elemento essenziale delle cucine povere popolari, era infatti l’unico pesce che i poveri si potevano permettere di acquistare. Il baccalà, per essere utilizzabile, deve essere immerso a lungo in acqua fredda, per eliminare il sale presente in grandi quantità per conservarlo. Il piatto tipico della vigilia delle feste, quando appunto non si doveva mangiare carne, era polenta e baccalà.
Nei due giorni di festa che precedono l’Immacolata sarà possibile degustare questo piatto della tradizione popolare all’Agriturismo biologico Cà de Frà.

 

http://www.agriturismocadefra.com